Scopri se sei tra i soggetti beneficiari di Voucher MISE digitalizzazione

Chi sono i soggetti beneficiari di Voucher Digitalizzazione?

Possono richiedere Voucher digitalizzazione micro, piccole e medie imprese (mPMI), costituite in qualsiasi forma giuridica con sede sul territorio nazionale.
Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10.000 € nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili, nel rispetto dell’eventuale riparto.

Riguardo i beneficiari del Voucher Digitalizzazione il Ministero dello Sviluppo Economico ha messo a disposizione anche le risposte ad alcune domande frequenti, che ti proponiamo qui di seguito:

  1. Quali soggetti possono presentare domanda di agevolazione, ai sensi del Decreto 23 settembre 2014?
    Il Voucher può essere concesso in favore di micro, piccole e medie imprese (mPMI), costituite in qualsiasi forma giuridica, che risultano possedere, alla data della presentazione della domanda, i requisiti previsti all’art. 5 del decreto 23 settembre 2014.
  2. Sono previste delle restrizioni in ordine ai settori di attività economica dei soggetti beneficiari?
    Si. Possono beneficiare del voucher le imprese operanti in tutti i settori di attività economica ad eccezione di quelli esclusi dall’articolo 1 del regolamento (UE) n. 1407/2013 (aiuti “de minimis”) quali il settore della produzione primaria di prodotti agricoli e della pesca e acquacoltura. Tuttavia, qualora le imprese che operano in tali settori svolgano anche attività economiche ammissibili, le stesse possono beneficiare del Voucher a condizione che siano in possesso di un adeguato sistema di separazione delle attività o di un sistema contabile che assicuri la distinzione dei costi.
  3. Gli studi professionali e, più in generale, i liberi professionisti possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni previste ai sensi del decreto 23 settembre 2014?
    Ai fini dell’accesso alle agevolazioni, le imprese sono tenute al rispetto di tutti i requisiti individuati all’articolo 5 del decreto 23 settembre 2014, tra cui è previsto l’obbligo, alla data di presentazione dell’istanza di Voucher, di essere iscritti al Registro delle imprese. Pertanto, gli studi professionali e, più in generale, i liberi professionisti possono accedere alle agevolazioni solo qualora svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione della domanda, al Registro delle imprese.
  4. Le associazioni o gli enti che, pur esercitando una attività economica, non risultano iscritti al Registro delle Imprese ma sono registrate unicamente presso il Repertorio Economico Amministrativo (REA) delle Camere di Commercio possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni previste dal decreto 23 settembre 2014?
    No, ai sensi dell’articolo 5, comma 1, lettera c) del decreto 23 settembre 2014 possono presentare domanda di agevolazione esclusivamente le imprese che, indipendentemente dalla forma giuridica o dal regime contabile adottato, risultano iscritte nel Registro delle Imprese. Pertanto, i soggetti registrati unicamente presso il Repertorio Economico Amministrativo (REA) delle Camere di Commercio (ad esempio gli enti pubblici non economici, le associazioni riconosciute e non, le fondazioni, i comitati, gli organismi religiosi), non rientrano tra i soggetti ammissibili alle agevolazioni in esame.
  5. Un’impresa che ha avviato la procedura prevista dall’articolo 186-bis della legge fallimentare (concordato preventivo con continuità aziendale), può presentare domanda di accesso alle agevolazioni previste dal decreto 23 settembre 2014?
    No, in quanto l’articolo 5, comma 1, lettera d), del decreto 23 settembre 2014, prevede che il soggetto proponente alla data di presentazione della domanda non deve essere sottoposto a una procedura concorsuale e non deve trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.
  6. Cosa si intende per micro, piccola e media impresa?
    Le imprese possono qualificarsi di micro, piccola o media dimensione secondo quanto stabilito dalla raccomandazione della Commissione europea (2003/361/CE) del 6 maggio 2003 come recepita dal decreto 18 aprile 2005.

E-Team International, società esperta in internazionalizzazione e digitalizzazione, ti può supportare nella preparazione della domanda e nello sviluppo della tua impresa grazie a Voucher Digitalizzazione.

Contattaci ora per ricevere maggiori informazioni:

*Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

Acconsento all'invio di comunicazioni commerciali



Pin It on Pinterest

Share This