Esportare in Spagna

le sfide globali sono un'opportunità

"Noi veniamo di Spagna, che è il bel paese del vino e delle canzoni."

Johann Wolfgang von Goethe

Quadro macroeconomico generale

Sebbene nel 2011 la Spagna dovette affrontare una grave crisi economica, oggi le banche spagnole risultano tra le più capitalizzate dei Paesi U.E..

PIL

Sia nel 2015 che nel 2016 il PIL aumentò del 3,2%, segnando un punto di svolta per l’economia spagnola, ormai pronta ad essere economicamente attiva nel Mercato Internazionale. Inoltre la forte ripresa economica ha permesso di migliorare il problema riguardante l’elevato tasso di disoccupazione. Nelle previsioni per il prossimo biennio la Spagna manterrà un quadro positivo (+2,4% nel 2016 e +2,7% nel 2017), nonostante il debito pubblico sia in costante crescita.

Mercato

La notevole crescita della Spagna negli ultimi anni è dovuta a diversi fattori contribuenti come l’aumento della domanda interna, della vendita di macchinari e del turismo (75,3 milioni di turisti contati nel 2016). Anche il prezzo del petrolio e la fragilità dell’euro, la quale ha permesso di agevolare importazioni ed esportazioni in Spagna, hanno sostenuto la ripresa economica spagnola. Prodotti chimici, automobili e raffinerie petrolifere sono tra gli articoli più richiesti dai paesi stranieri.

Rapporti con l’Italia

L’interscambio commerciale tra la Spagna e l’Italia ha raggiunto livelli alquanto elevati. Infatti, tra i Paesi che esportano in Spagna, l’Italia occupa il quarto posto. Questo grande legame economico è dovuto ad un giro d’affari tra i due Paesi, che nel 2014 (anno di svolta per la ripresa economica spagnola) si è stabilizzato attorno ai 33,2 miliardi di dollari.

Importazioni ed esportazioni in Spagna

Il 2015 ha registrato un notevole incremento degli interscambi, i quali hanno raggiunto la somma di 36 miliardi di dollari (+8,3% rispetto al 2014). Fino a settembre del 2016 sono state registrati dati negativi riguardanti le export in Spagna. Questo decremento, emerso negli ultimi mesi, reagisce al forte sviluppo delle importazioni spagnole (9,34%), nettamente superiori rispetto alle imprese italiane che esportano in Spagna (4,26%). Benché questo deficit abbia creato difficoltà nelle esportazioni in Spagna, le imprese italiane hanno sempre considerato la zona iberica una proficua terra d’investimenti, poiché fino al 2013 si stimava una cifra che superava i 48 miliardi di euro.

Situazione economica, politico/giuridica e sociale

Nel complesso la situazione economica, politico/giuridica e sociale è abbastanza stabile, anche se dopo le ultime elezioni la politica spagnola sta vivendo una fase di stallo. In aggiunta rimane sempre aperta anche la richiesta della Catalogna di distaccarsi dal Paese ed ottenere così l’Indipendenza.

Un tasso di disoccupazione preoccupante

Nonostante la notevole ripresa del mercato dal crollo subito nel 2009 (oltre il 25%), la principale complicazione consiste nel ridurre il tasso di disoccupazione, il quale tutt’ora si posiziona tra i più elevati d’Europa (18,6%). Il Governo Rajoy è intenzionato a far riemergere il Paese dalla crisi socio-economica nel minor tempo possibile.

Feeling

L’energica ripresa e la considerevole diffusione della lingua favoriscono le importazioni ed esportazioni in Spagna, permettendo così al mercato spagnolo di tornare attivo e competitivo.

export Esportare in Spagna

Dove vuoi esportare?

In breve:

  • Capitale: Madrid
  • Popolazione: 46,439,800
  • Lingua: Spagnolo
  • PIL: 1.41 migliaia di miliardi USD
  • Crescita PIL(2014): 3.1%
  • Valuta:Euro
  • Importazione dall' Italia(2014): 18 miliardi USD
  • Cosa esportare:
    • Apparecchi meccanici
    • Prodotti chimici
    • trattori
    • Vetture automobili

I dati menzionati sono relativi alle ultime statistiche rilevate

Diventa internazionale con E-Team International. Contattaci.

*Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy
Acconsento all'invio di comunicazioni commerciali